DETRAZIONI FISCALI ECOBONUS 2020

Ecobonus 2020: di cosa si tratta?

La Legge di Bilancio per l'anno in corso ha confermato le agevolazioni, sotto forma di detrazioni dall'Irpef o dall'Ires, per gli interventi di riqualificazione energetica operati su edifici esistenti. In base alla tipologia di lavoro effettuato, la detrazione è pari al 50% o al 65%. Per gli interventi che riguardano i condomini, le percentuali di detrazione possono raggiungere il 75% (o l’80% fino all'85%, se associati a lavori finalizzati a ridurre il rischio sismico). La detrazione viene ripartita in dieci rate annuali di eguale importo e, oltre alle spese sostenute per i lavori relativi all'intervento di risparmio energetico, sono ammesse in detrazione anche le spese per le prestazioni professionali connesse all'intervento stesso.

Ecco una breve guida per conoscere i beneficiari della detrazione, i lavori a cui spettano le agevolazioni e l'importo massimo detraibile.

Ecco chi può usufruire dell’Ecobonus

Decisamente ampia è la platea di contribuenti che può usufruire dell'Ecobonus. La detrazione spetta a tutti i contribuenti (residenti e non residenti) che possiedono a qualsiasi titolo l'immobile sul quale si svolge l'intervento. Più nel dettaglio, beneficiano della detrazione fiscale le persone fisiche (compresi gli esercenti arti e professioni), i titolari di reddito d'impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali) con riferimento ai fabbricati strumentali utilizzati nell'esercizio della loro attività imprenditoriale, le associazioni tra professionisti, gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale, le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, gli Istituti autonomi case popolari e gli enti aventi le stesse finalità sociali. Tra le persone fisiche, fruiscono dell'agevolazione anche i comodatari, i titolari di un diritto reale sull'immobile, i conduttori e i condomini per gli interventi sulle parti comuni condominiali. Alla condizione che sostengano le spese per la realizzazione degli interventi, la detrazione è riconosciuta anche al convivente more uxorio, al familiare convivente con il possessore o il detentore dell'immobile e al componente dell'unione civile.

Alla scoperta degli interventi a cui spettano le agevolazioni fiscali

Gli interventi devono essere eseguiti su unità immobiliari o su edifici esistenti, appartenenti a qualsiasi categoria catastale, compresi quelli strumentali. Sono, invece, esclusi dal beneficio gli edifici in via di costruzione. La detrazione è pari al 50% in caso di sostituzione di infissi e finestre con modelli di ultima generazione capaci di ridurre al minimo la dispersione di calore e di migliorare l'isolamento termico, di installazione di schermature solari, di acquisto e montaggio di caldaie a biomassa e di installazione e manutenzione di caldaie a condensazione purché abbiano un'efficienza media stagionale almeno pari a quella necessaria per appartenere alla classe energetica A. Tra i lavori detraibili al 65% rientrano l’installazione di pannelli solari termici per l'acqua calda, di pompe di calore ad alta efficienza, di micro-cogeneratori che producano un risparmio di energia primaria pari almeno al 20% e di generatori ibridi e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, di produzione di acqua calda o di climatizzazione. È possibile beneficiare del bonus anche per l'installazione di un cappotto termico. Nel caso di edifici condominiali che si trovano nelle zone sismiche 1, 2 e 3, per gli interventi sulle parti comuni finalizzati alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione dal punto di vista energetico, la detrazione è pari all'80% se i lavori determinano il passaggio a una classe di rischio inferiore e all'85% se i lavori comportano il passaggio a due classi di rischio sismico inferiori.

Qual è l’importo massimo detraibile?

Per quanto riguarda i massimali di spesa, l'ammontare massimo della detrazione varia in funzione della tipologia di intervento. È di 30.000 euro in caso di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione ad aria o acqua, impianti geotermici e pompe di calore altamente efficienti. Sale a 60.000 euro se gli interventi incidono sull'involucro degli immobili o se vengono installati pannelli solari termici. Arriva a 100.000 euro se si tratta di interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti o dell'acquisto di micro-cogeneratori. Per quanto riguarda le detrazioni per lavori condominiali, per i quali spetta la detrazione del 70% o del 75%, la spesa massima detraibile è pari a 40.000 euro moltiplicata per il numero di unità immobiliari che compongono l'edificio. Il limite massimo di spesa passa a 136.000 euro (sempre da moltiplicare per il numero di unità immobiliari) nel caso di interventi diretti a ridurre il rischio sismico, per i quali spetta la detrazione dell’80% o dell’85%.

Come ottenere la detrazione

Per beneficiare delle detrazioni fiscali, il contribuente deve trasmettere, entro 90 giorni dalla fine dei lavori, all'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) la scheda informativa degli interventi realizzati e la copia dell'attestato di qualificazione energetica finalizzato ad acquisire i dati relativi all’efficienza energetica dell’edificio. La trasmissione ad ENEA deve avvenire in modalità telematica. Il termine e le modalità telematiche di trasmissione non cambiano per il bonus ristrutturazione: il cosiddetto bonus casa riconosce una detrazione pari al 50% su un massimo di spesa di 96.000 euro. Occorre, inoltre, effettuare il pagamento con bonifico bancario o postale, indicando nel modello di versamento la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e la partita Iva o il codice fiscale dell'impresa o del professionista che ha effettuato i lavori. Nel caso in cui il pagamento venga effettuato direttamente dalla società di finanziamento, sarà ugualmente possibile richiedere le detrazioni. È importante ricordare che sono detraibili, con la medesima aliquota dell'intervento, anche le parcelle dei professionisti che si sono occupati della redazione della documentazione (compresa la certificazione energetica) da produrre all’ENEA.

VIVIweb Lucegas: l’offerta di VIVIgas energia che fa risparmiare

VIVIweb Lucegas è la conveniente offerta di VIVIgas energia che ti permette di risparmiare mese dopo mese sulla tua bolletta, utilizzando energia 100% green proveniente da fonti rinnovabili. Acquistando luce e gas insieme, usufruisci di uno sconto sulla materia prima con un notevole risparmio sulla spesa annua, il prezzo è bloccato per 12 mesi e, grazie alla fatturazione mensile, ricevi un'unica bolletta luce e gas per tenere sotto controllo i tuoi consumi. Puoi scegliere tra tariffa monoraria e bioraria: la prima per chi non vuole avere vincoli d'orario, la seconda per chi consuma maggiormente di sera o nel fine settimana. E, aspetto non certo ultimo per importanza, grazie a VIVIgas App, gestisci le tue utenze in totale autonomia e hai sotto controllo tutte le informazioni sulla tua fornitura in modo semplice e diretto, ovunque tu sia.

Il contenuto è a scopo informativo per cui VIVIgas S.p.A. non si assume la responsabilità in caso di errori/omissioni e invita sempre il cliente a visitare il sito di Arera per qualsiasi verifica o approfondimento