FASCE ORARIE

Fasce orarie energia elettrica: cosa sono e quale scegliere?

Qual è il costo dell’energia elettrica? Cosa sono le fasce orarie dell'elettricità e come vengono stabilite.

Non tutti sanno che l’energia elettrica ha un prezzo diverso a seconda dell’orario del giorno in cui viene utilizzata. La suddivisione delle 24 ore di una giornata in differenti fasce orarie del servizio elettrico nazionale deriva dalla variabilità della domanda: durante il giorno, nella fascia di punta, la maggior parte delle aziende e dei privati utilizza infatti un quantitativo di energia molto maggiore rispetto alla notte (un fattore che ne aumenta i costi di produzione e, di conseguenze, le tariffe di vendita). Le fasce orarie di energia elettrica in Italia si suddividono in F1 (lun-ven dalle ore 8.00 alle 19.00, la fascia più costosa), F2 (ore intermedie, lun-ven dalle 7.00 alle 8.00 e dalle 19.00 alle 23.00) e F3 (ore più economiche, lun-sab dalle 23.00 alle 7.00 + domenica e giorni festivi 24/24h).

Quali sono i fattori che fanno variare il prezzo dell’energia tra le fasce orarie F1 F2 e F3?

Durante gli orari che ricadono nella F1 sia le aziende che i privati cittadini hanno bisogno di un quantitativo di energia molto maggiore rispetto alle ore appartenenti alle altre fasce. Questo comporta uno sforzo maggiore sul lato produttivo, nonché la necessità di mettere in moto un numero maggiore di macchinari simultaneamente e di garantire un maggior numero di operai al lavoro. Le macchine a maggior resa energetica, indispensabili per garantire un adeguato apporto di energia elettrica in F1, presentano spesso consumi maggiori rispetto a macchinari meno complessi e richiedono anche una manutenzione più accurata. La combinazione di tutti questi fattori incide sul costo complessivo dell’energia, che in F1 risulta dunque maggiore rispetto alle altre fasce orarie di luce F2 e F3.

Mercato libero o servizio di maggior tutela: cosa cambia nelle fasce orarie?

L’esistenza di fasce orarie per i costi dell’energia elettrica è una realtà indipendente dalla scelta del gestore al quale si sceglie di affidarsi. Tuttavia, con l’introduzione della libera concorrenza nel campo della vendita dell’energia elettrica, sono arrivate anche interessanti opportunità di risparmio sia per chi possiede un’attività commerciale che per i privati cittadini. La presenza di offerte personalizzabili in base alle proprie necessità di consumo può permettere di risparmiare cifre importanti in bolletta: informarsi sui diversi tipi di contratto e sui costi dei pacchetti energia dei diversi utenti presenti sul mercato è il primo passo per ridurre le spese domestiche.

Tariffa monoraria: cosa significa e quando conviene

Vengono definiti contratti a fascia monoraria quei pacchetti in cui l’energia acquistata ha lo stesso costo indipendentemente dall’orario in cui si utilizza. Conviene affidarsi a questa opzione se si stima di consumare molta energia durante la fascia F1, quando il costo dell’energia è più alto.

Tariffa bioraria

Per fascia bioraria si intende un contratto che suddivide la giornata in due blocchi principali: la F1 e la F23 (nata dall’unione degli orari F2 e F3). Chi sceglie un’opzione di questo tipo pagherà una tariffa maggiore per l’energia utilizzata in F1, mentre andrà a risparmiare molto durante le altre ore della giornata. Ma quando conviene veramente adottare la fascia bioraria? Considerando la distribuzione dei costi medi dell’energia nell’arco delle 24 ore di una giornata, un contratto di questo tipo permette di risparmiare in bolletta quando almeno il 70-80% del consumo energetico avviene in F23. Se questa condizione non si addice al vostro caso (perché, ad esempio, passate molto tempo in casa durante le ore di punta settimanali), probabilmente una tariffa monoraria è la scelta migliore per voi.

Tariffa multioraria

Se vi rendete conto di essere fuori casa tutto il giorno e di utilizzare, di fatto, la maggior parte dell’energia elettrica solo durante le fasce più economiche, probabilmente una tariffa multioraria è ciò che fa al caso vostro. Con una tariffa a fasce multiorarie l’energia elettrica ha un costo diverso in ognuna delle tre fasce principali (F1, F2, F3): in questo caso, dunque, le tariffe risultano meno flessibili e dipendono rigorosamente dall’orario di utilizzo.

Risparmio energetico in bolletta: selezionare l'offerta luce scegliendo il fornitore

L’introduzione del mercato libero nel settore di gas e luce ha aperto le porte a offerte personalizzate e tariffe particolarmente vantaggiose sia per i clienti aziendali che per i privati cittadini. Finalmente puoi stipulare un contratto ritagliato sulle tue esigenze di consumatore, scegliendo tra numerosi pacchetti a costi fissi (fino a 12 mesi) con la garanzia di acquistare tutta l’energia di cui hai bisogno al miglior prezzo sul mercato. Se cerchi un'offerta che conviene sia a te che all'ambiente (l'energia elettrica è 100% green), passa a VIVIweb luce. Puoi scegliere l'opzione monoraria se vuoi utilizzare i tuoi elettrodomestici senza preoccuparti degli orari, oppure, la tariffa bioraria che ti permette di massimizzare il risparmio in caso di utilizzo di energia prettamente serale e durante il weekend.

Il contenuto è a scopo informativo per cui VIVIgas S.p.A. non si assume la responsabilità in caso di errori/omissioni e invita sempre il cliente a visitare il sito di Arera per qualsiasi verifica o approfondimento.
0