MERCATO LIBERO LUCE E GAS

Mercato libero luce e gas: cos'è e come funziona

A partire dal 1° gennaio 2022, e se non si presenteranno ulteriori proroghe, il regime di Maggior tutela sarà abolito e sul sito di Arera (l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) non saranno più pubblicati i prezzi di tutela.

Significa che, stando alle attuali disposizioni, tutti i clienti che oggi hanno un contratto Energia e Gas in regime di tutela, dovranno, entro il 1° gennaio 2022, passare ad una società operante nel libero mercato.

Non esistendo più il servizio di Maggior Tutela, anche l’attività dell’ARERA muterà, riducendosi a semplice controllo del comportamento delle aziende operanti sul libero mercato.

Mercato libero luce e gas e servizio di tutela (e maggiore tutela): quali sono le differenze?

Una delle principali differenze tra il libero mercato dell'energia elettrica e del gas ed il regime di tutela (per il mercato del gas) e di maggiore tutela (per il mercato dell’energia elettrica) è che, nel regime di tutela, le tariffe sono aggiornate ogni tre mesi dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, l'ARERA.

In regime di liberalizzazione del mercato energetico ciò non avviene, in quanto il cliente può usufruire di tariffe bloccate o variabili, legate all’indice di prezzo dell’energia elettrica, con maggiore convenienza per il cliente.

Per capire come si è arrivati a questa situazione, è necessario fare qualche passo indietro ripercorrendo i principali eventi nel mercato dell’energia elettrica e del gas in Italia.

Evoluzione del mercato di energia elettrica e di gas in Italia

A lungo la gestione e la distribuzione di energia elettrica e di gas in Italia è stata affidata a due uniche grandi società.

A partire dal D.L. 16 marzo 1999 n. 79, noto come Decreto Bersani, che recepiva la direttiva europea la 96/92/CE, mediante la quale si richiedeva l'attuazione della liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica, è stato dato il via al passaggio graduale al libero mercato. Inizialmente consentendo alle grandi industrie di acquistare energia all'interno del libero mercato e, dal 1° luglio 2007, anche alle utenze domestiche private.

Una situazione analoga si è verificata per il mercato del gas. L'esigenza di liberalizzare il mercato del gas nasce a seguito di una direttiva europea, la 98/20/CE (noto come decreto Letta). Nel 2000, il Governo italiano riduce il monopolio nazionale introducendo per legge al mercato libero gas le aziende e, dal 1° gennaio 2003, anche le utenze private.

I dati, però, ci dicono che, ad oggi sono ancora molti i clienti rimasti nel mercato tutelato che non stanno usufruendo dei vantaggi offerti dal mercato libero luce e gas, come offerte vantaggiose e personalizzate (prezzo bloccato, tariffa monoraria o bioraria) e servizi sempre più efficienti (assistenza dedicata, App per monitorare i consumi, ecc.).

Viste le numerose offerte convenienti presenti sul mercato, è consigliabile muoversi per tempo ed iniziare a usufruire sin da subito dei benefici delle tariffe offerte dal mercato libero di luce e gas sia nel caso di famiglie sia in quello di offerte luce per aziende.

Il contenuto è a scopo informativo per cui VIVIgas S.p.A. non si assume la responsabilità in caso di errori/omissioni e invita sempre il cliente a visitare il sito di Arera per qualsiasi verifica o approfondimento.