NORMATIVA

EMERGENZA TERREMOTO CENTRO ITALIA

A seguito degli eventi sismici verificatisi nelle date 24 agosto 2016, 26 - 30 Ottobre 2016 e 18 Gennaio 2017, VIVIgas energia ha recepito i provvedimenti della delibera 587/2018/R/com dell’ Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente.
In particolare l’Autorità ha deliberato la proroga dei termini di sospensione dei pagamenti e modificato le agevolazioni.
La sospensione dei termini di pagamento riguarda anche le fatture emesse prima della data del sisma qualora i termini di pagamento fossero ancora in corso rispettivamente alle medesime date.
La proroga della sospensione è così definita:

Forniture attive alla data del sisma e situate nelle zone rosse: proroga automatica dei termini di sospensione pagamenti fino al 31/12/2020 (Art. 3.1 bis delibera 810/16)
Forniture attive alla data del sisma e non situate nelle zone rosse: proroga dei termini di sospensione dei pagamenti fino al 1 gennaio 2020, previa presentazione della dichiarazione di inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, ai sensi del testo unico di cui al D.P.R. 445/00, con trasmissione agli enti competenti

Per quanto riguarda le agevolazioni, vale quanto sotto:

Forniture attive alla data del sisma e situate nelle zone rosse: agevolazioni automatiche fino al 31/12/2020
Forniture attive alla data del sisma e non situate nelle zone rosse: agevolazioni automatiche con decorrenza 36 mesi dalla data del sisma

Le agevolazioni disciplinate dal provvedimento sono cumulabili con il bonus elettrico e il bonus gas
Per tutta la durata delle agevolazioni si applica la tariffa domestica residente sia all’abitazione di residenza inagibile sia all’eventuale utenza/fornitura in cui venga stabilito il solo domicilio successivamente all’evento sismico, senza che sia stata trasferita la residenza anagrafica.
Solo relativamente alle forniture localizzate in zone rosse, il fornitore è tenuto a fissare pari a 0 (zero) qualsiasi altra componente espressa in centesimi di euro/punto di prelievo/anno


Allegato 1: elenco dei Comuni colpiti dal sisma del 24 agosto 2016
Allegato 2: elenco dei Comuni colpiti dagli eventi sismici del 26 e del 30 ottobre 2016
Allegato_2_bis_Elenco_Comuni_colpiti_dal_sisma_del_18_gennaio_2017

Per quanto riguarda le forniture site nei Comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto e attive alla data di tali eventi, su richiesta dei soggetti, che dichiarino l’inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, ai sensi del testo unico di cui al D.P.R. 445/2000 con trasmissione agli uffici dell’Agenzia delle entrate e dell’Istituto nazionale per la previdenza sociale territorialmente competenti sono previste sospensioni dei termini di pagamento fino al fino al 1 gennaio 2020 e solo su richiesta (non in automatico) sono previste agevolazioni per 36 mesi dalla data del sisma.
Modulo da scaricare per autodichiarazione per Comuni Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto


Sono sospesi fino al 1 gennaio 2020 i termini di pagamento delle fatture delle utenze, attive, alla data del 21 agosto 2017, nei Comuni di Casamicciola Terme, Lacco Ameno e Forio. La sospensione dei termini di pagamento trova applicazione anche con riferimento alle fatture emesse prima della data del 21 agosto 2017, qualora i termini di pagamento fossero ancora in corso rispettivamente alla medesima data.
I titolari delle utenze interessati a questo provvedimento possono comunque richiedere agli esercenti la vendita e ai gestori del SII di non avvalersi della disciplina in materia di sospensione dei termini di pagamento. Ciò deve essere dichiarato in forma scritta e documentabile
Se i pagamenti sono già avvenuti non possono essere rimborsati
I titolari delle utenze attive alla data del 21 agosto 2017 nei Comuni di Casamicciola Terme, Lacco Ameno e Forio possono fare richiesta della sospensione dei termini di pagamento inviando una dichiarazione sostitutiva di atto notorio (ai sensi DPR 445/00) sullo stato di inagibilità dell’unità immobiliare.
Il modulo di autocertificazione è disponibile su questo link

documentazione (dichiarazione, copia del documento di riconoscimento e, qualora sia necessaria, perizia asseverata) potrà essere restituita:
via e-mail, servizio.clienti@vivigas.it
a mezzo posta, Vivigas Spa - Servizio Clienti, Via Vittorio Emanuele II, 4/28, 25030, Roncadelle (BS)

VIVIgas energia informa i propri clienti che la società ha anche sospeso tutte le eventuali azioni di recupero credito sulle fatture precedentemente emesse. Per le bollette già emesse prima della sospensione della fatturazione e la cui richiesta di pagamento è già stata inoltrata agli istituti di credito, Vivigas energia informa i propri clienti che hanno sottoscritto la domiciliazione bancaria che è possibile chiedere al proprio istituto di credito il blocco del pagamento.

Per ogni ulteriore chiarimento è possibile chiamare il call center di Vivigas energia ai numeri verdi attivi H24 DA LUN A SAB FESTIVITA' ESCLUSE
800 15 13 13 - Numero verde Clienti Privati
800 30 22 33 - Numero verde Clienti P. IVA
800 68 83 83 - Numero verde Clienti Grandi Aziende

    NELLA TUA AREA PROTETTA PUOI:
    • Pagare e visualizzare le bollette
    • Inviare l’autolettura
    • Attivare la domiciliazione
    • Accedere al T.V.T.B.
    e molto altro...
    Non hai un account?
    Registrati