ARERA

L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente: ecco di cosa si tratta

Acronimo di Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, l'ARERA è un organismo indipendente istituito con la legge numero 481 del 1995 di liberalizzazione del mercato dell'energia e del gas. Si tratta di un organo collegiale composto dal Presidente e da quattro membri (nominati con decreto del Presidente della Repubblica) che restano in carica per sette anni e che non sono rinnovabili. Questa autorità amministrativa indipendente svolge una fondamentale attività di regolazione e di controllo negli ambiti dell'energia elettrica e del gas naturale, oltre che nei settori dei servizi idrici, del ciclo dei rifiuti e del telecalore: basti pensare che spetta proprio all'Autorità stabilire ogni tre mesi il costo dell'energia elettrica e del gas nel mercato tutelato. Ecco una breve guida per conoscere le funzioni di cui è investita l'Autorità e per comprendere l'importanza della sua attività di tutela dei consumatori e di promozione della concorrenza e dell'offerta di servizi di qualità.

Le funzioni dell'Autorità di Regolazione

La regolazione delle tariffe nel mercato tutelato, l'accesso alle reti, il funzionamento del mercato e la protezione dei consumatori sintetizzano le principali attività di cui si occupa l'Autorità. In particolare, l'ARERA aggiorna con cadenza trimestrale le condizioni economiche di riferimento per i clienti che non hanno ancora scelto il mercato libero nei settori energetici e promuove l'uso razionale dell'energia, incentivando la diffusione dell'efficienza energetica e l'adozione di misure per uno sviluppo sostenibile. Inoltre, stabilisce, per i settori energetici, le tariffe per l'utilizzo delle infrastrutture e predispone ed aggiorna il metodo tariffario per la determinazione dei corrispettivi per il servizio idrico integrato e per il servizio integrato dei rifiuti. Spetta a questo organismo definire i livelli minimi di qualità dei servizi per gli aspetti tecnici, contrattuali e per gli standard di servizio ed accrescere i livelli di tutela, di consapevolezza e l'informazione ai consumatori.

La liberalizzazione del mercato nazionale dell'energia

Il Decreto Legislativo numero 79 del 1999 (il cosiddetto Decreto Bersani) ha dato avvio al processo di liberalizzazione del settore italiano dell'energia elettrica. Il mercato elettrico italiano è stato aperto alla concorrenza, rendendo autonome le fasi della filiera energetica (produzione, trasmissione, dispacciamento, distribuzione e vendita). Nasce, inoltre, la borsa elettrica italiana, il luogo deputato alla compravendita all'ingrosso dell'energia elettrica tra i produttori e i fornitori: il PUN (acronimo di Prezzo Unico Nazionale) è la media dei prezzi di vendita zonali ponderata con gli acquisti totali ed è il riferimento utilizzato dall'Autorità ai fini dell'aggiornamento trimestrale delle tariffe della Maggior Tutela. Il percorso che ha condotto alla liberalizzazione del mercato dell'energia giungerà al definitivo completamento con l'abolizione del mercato tutelato: la presenza di una pluralità di fornitori che operano in concorrenza tra loro è garanzia di offerte luce e gas rispondenti alle più diverse esigenze e di tariffe gas e luce molto competitive.

L'aggiornamento trimestrale dei prezzi di luce e gas

Attualmente, i clienti che non hanno ancora sottoscritto un contratto di fornitura nel mercato libero gas e luce o che rimangono senza fornitore usufruiscono del mercato tutelato alle condizioni economiche e contrattuali fissate dall'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Spetta, infatti, a quest'ultima aggiornare periodicamente le condizioni economiche per la fornitura di energia elettrica e di gas naturale ai clienti che non hanno scelto il loro fornitore. L'aggiornamento è effettuato con cadenza trimestrale in base all'andamento del prezzo all'ingrosso. La variazione al ribasso del prezzo dell'energia elettrica è da imputare ad un calo significativo del costo della materia prima, mentre la riduzione del prezzo del gas è determinata dai costi di approvvigionamento

Il cambio gestore: un'operazione veloce e conveniente

Il passaggio ad un nuovo fornitore è gratuito, senza interruzioni del servizio o interventi tecnici sul contatore. Nel mercato libero dell'energia elettrica e del gas è possibile scegliere tra molteplici offerte che includono servizi aggiuntivi, programmi fedeltà e forniture che per la componente luce utilizzano solo energia proveniente da fonti rinnovabili. VIVIweb Lucegas di VIVIgas energia è l'offerta a prezzo bloccato che ti consente di risparmiare sulla tua spesa annua e utilizzare energia 100% green proveniente da fonti rinnovabili. Scegliendo di acquistare luce e gas insieme, ricevi inoltre un'unica bolletta mensile e usufruisci di un notevole sconto sulla materia prima. In più, grazie a VIVIgas App, gestisci la fornitura ovunque tu sia.

Il contenuto è a scopo informativo per cui VIVIgas S.p.A. non si assume la responsabilità in caso di errori/omissioni e invita sempre il cliente a visitare il sito di Arera per qualsiasi verifica o approfondimento.