ENERGIA IDROELETTRICA

Che cos’è l’energia idroelettrica?

Forma di energia rinnovabile e pulita che origina dall'acqua, l'energia idroelettrica (altrimenti detta anche energia idraulica) è l'energia che sfrutta grandi masse d'acqua movimentate dalla gravità o convogliate in dighe, chiuse, canali e ponti. L'acqua in caduta o in movimento produce energia cinetica, la quale a sua volta viene trasformata in energia elettrica grazie ad appositi impianti muniti di turbine e alternatore. Ecco una breve guida per sapere di più su questa energia sostenibile che contribuisce in modo significativo alla produzione di energia elettrica: basti pensare che poco meno del 20% dell'elettricità prodotta in Italia proviene proprio dalle centrali idroelettriche.

La storia di questa energia verde

L'energia idrica ha origini antichissime. Furono i Greci e i Romani i primi ad utilizzare l'energia dell'acqua per l'azionamento meccanico dei mulini. Nel Medioevo si deve agli Arabi la scoperta della ruota idraulica, un mulino senza pale impiegato per l'irrigazione dei campi e per la bonifica delle zone paludose. In Europa, alla fine del 1800, la realizzazione di una turbina motrice rappresentò un ulteriore passo in avanti nel progresso tecnico finalizzato allo sfruttamento della forza dell'acqua in movimento per generare elettricità. Si deve, invece, agli Stati Uniti la costruzione nel 1879 della prima centrale idroelettrica presso le cascate del Niagara. Agli inizi del '900 l'energia verde prodotta con impianti idroelettrici si impone in modo preponderante in Italia, arrivando a rappresentare fino al primo dopoguerra la maggioranza dell'energia totale prodotta nel Paese.

L’energia idroelettrica in Italia e nel mondo

Tra le fonti rinnovabili, l'energia idroelettrica costituisce a livello nazionale la principale energia alternativa ai combustibili fossili, producendo oltre il 40% delle energie rinnovabili necessarie al Paese. Concentrata in Lombardia, Piemonte e Trentino, la produzione idroelettrica italiana è compresa tra 35.000 e 50.000 GWh annui e vede coinvolti oltre 15.000 addetti e 4.300 impianti. Per questo motivo, in alcuni Paesi del mondo, quest'energia copre la maggior parte del fabbisogno energetico. Guardando oltreconfine, l'Asia guida la classifica dei maggiori produttori mondiali di energia idroelettrica. Non da meno sono alcuni Paesi europei: in Svizzera, Austria, Islanda e Svezia, l'energia idroelettrica si conferma la principale fonte energetica e in Norvegia addirittura il 99% dell'energia prodotta è idroelettrica.

Come funziona una centrale idroelettrica?

Il funzionamento di una centrale idroelettrica è tanto semplice, quanto ingegnoso. A monte esiste un bacino naturale oppure viene costruito un bacino artificiale con una diga che forma uno sbarramento e preclude al flusso d'acqua di scendere a valle. Attraverso condutture forzate l'acqua viene convogliata a grande velocità a valle dove è collocato un impianto contenente le turbine idroelettriche e un alternatore. È qui che l'energia cinetica, generata dalla rotazione delle turbine, viene trasformata in energia elettrica dall'alternatore. Gli impianti idroelettrici possono essere ad acqua fluente (posizionati sul corso d'acqua), a bacino (l'acqua è raccolta in un bacino) oppure ad accumulo (l'acqua viene portata in quota con l'ausilio di pompe).

L’energia idroelettrica tra pro e contro

L'energia idroelettrica è l'energia del futuro. Non a caso, infatti, concretizza una delle forme più pulite di approvvigionamento energetico, con un tasso di rinnovabilità potenzialmente infinito in quanto le precipitazioni assicurano la disponibilità e la gratuità della materia. Significativo è anche il contenimento dei costi legati ad un processo produttivo con spese di manutenzioni e funzionamento molto vantaggiose, al pari di quanto avviene con altre fonti rinnovabili come l'energia eolica. Quale rovescio della medaglia, l'investimento iniziale per la costruzione di un impianto idroelettrico è tutt'altro che irrisorio e può dare luogo a deturpazioni dell'ambiente e disboscamenti in paesaggi montani. Non trascurabili sono, infine, la rumorosità dell'impianto e la dipendenza di questa energia pulita dagli agenti atmosferici.

VIVIweb Lucegas: l’offerta che fa bene all’ambiente e al portafoglio

Con oltre 338.000 clienti e con una capillare rete di Punti Vendita, VIVIgas energia fornisce un qualificato supporto ai clienti domestici, ai condomini, alle piccole e medie imprese e alle grandi aziende, proponendo tariffe vantaggiose con energia 100% green e servizi personalizzati come ad esempio l'App dedicata e il programma fedeltà T.V.T.B. Grazie a VIVIweb Lucegas puoi sfruttare l'offerta web limitata a prezzo bloccato per 12 mesi che ti consente di risparmiare sulla spesa annua a fronte dell'acquisto di luce e gas insieme. Per fare una scelta responsabile, per la componente luce utilizzi solo energia da fonti rinnovabili, proveniente nell’ultimo anno nella misura del 100% proprio da quella idroelettrica. Tenendo conto delle tue abitudini di consumo, potrai poi scegliere tra la tariffa monoraria e quella bioraria e, per merito della fatturazione mensile, ricevi un'unica bolletta gas e luce per monitorare i tuoi consumi.

Il contenuto è a scopo informativo per cui VIVIgas S.p.A. non si assume la responsabilità in caso di errori/omissioni e invita sempre il cliente a visitare il sito di Arera per qualsiasi verifica o approfondimento.